Centro Residenziale
Accesso e ammissione

Numerosi lavori scientifici e i risultati nella pratica clinica confermano che il successo dei trattamenti alcologici dipende dall'adempimento di requisiti quali l'impostazione interdisciplinare (una terapia attuata secondo il modello di interventi medici, psicologici e sociali) e il trattamento integrale (un'assistenza completa fra la presa di contatto e la reintegrazione sociale). Il nostro modo operativo cerca di assicurare la necessaria continuità durante tutto il processo terapeutico.
Il Centro residenziale non può da solo garantire un successo terapeutico ai suoi clienti e a chi si interessa del loro benessere. Il Centro si pone solo come una fase, seppur importante e magari anche fondamentale, all'interno del complessivo programma di cura.
L’ammissione avviene di regola su domanda motivata del richiedente tramite il consultorio territoriale Ingrado, tramite un servizio inviante se domiciliato fuori Cantone o direttamente se dall’estero.
Il consulente Ingrado valuta la situazione, fornisce al cliente tutte le informazioni fondamentali sulle attività del Centro. Se il cliente (in collaborazione con tutte le figure professionali e con i famigliari coinvolti) conferma il suo interesse, il consulente chiede un colloquio d’ammissione al responsabile del Centro.
Al colloquio d’ammissione partecipano il cliente, accompagnato possibilmente dalle sue persone significative (famigliari, partner, ecc.), e l’inviante (consulente Ingrado e/o altri invianti). Viene rilevata la situazione di vita attuale (situazione personale, famigliare, lavorativa, abitativa, finanziaria e giuridica) e, parzialmente, la storia di vita; la condizione di salute fisica e psichica; l’anamnesi della dipendenza, il suo stato attuale e le terapie precedenti; la motivazione al cambiamento rispetto ai vari aspetti. Vengono inoltre identificati i problemi e definiti gli obiettivi da raggiungere. Viene proposto un conseguente programma terapeutico-riabilitativo di massima che durante la degenza verrà costantemente aggiornato.
In caso di reciproca disponibilità (accordo del cliente, rispetto dei criteri di ammissione e disponibilità di posti), il cliente può iniziare il suo programma appena possibile. Viene infine definita la presa a carico esterna al Centro fino al momento dell’ammissione (tempi previsti; condizioni di ammissione: disintossicazione fisica, garanzia di pagamento della retta e disponibilità ad astenersi dal consumo di ogni sostanza psicoattiva e a partecipare attivamente all’intero programma multidisciplinare).
In occasione del colloquio ha luogo anche la visita del Centro, vengono fornite le informazioni relative al Centro e ai costi.
tariffario-cr

organigrammaok-f05f875d85f7d465d629db0a2de8c63a

Fondazione

Consiglio di fondazione:

Ha il compito di vigilare sulla realizzazione degli scopi della Fondazione e di impostare le linee direttive del servizio. Si riunisce 3 volte all’anno. Approva i preventivi finanziari e i consuntivi. Esamina annualmente il rapporto di attività del Servizio e nello stesso il SMQ. Nomina i membri del Consiglio di direzione, dell'Ufficio presidenziale e l’Ufficio di revisione. In caso di bisogno provvede alla nomina di commissioni speciali. Funge da organo di ricorso contro le decisioni interne al servizio.
Responsabile: presidente
La carica di membro del CdF è benefica e si svolge a titolo grazioso. Vengono tuttavia riconosciute delle indennità e la rifusione delle spese vive cagionate dall’attività. Le stesse sono disciplinate dal rispettivo Regolamento.

Ufficio di revisione:

É organo esterno. Ha il compito di verificare la gestione finanziaria e contabile dell’istituzione e di stendere il relativo rapporto di revisione all'attenzione del CdF.
Viene convocato una volta all’anno.
Responsabile: Fiduciaria

Ufficio presidenziale:

É nominato dal Consiglio di fondazione. É composto di 3 membri: il presidente, un membro del CdF e dal direttore. Ha il compito di collaborare con la direzione nella gestione del servizio. Provvede, su proposta della direzione, alla nomina del personale, ad eccezione di quello di direzione.
Si riunisce 6-8 volte all’anno.
Responsabile: presidente