Aspetti legali

Non comperare indiscriminatamente la prima pillola o polvere! Informati dapprima sugli effetti, il dosaggio e comportati in modo critico.
Acquistando droghe sul mercato nero o via internet, ti assumi dei rischi difficilmente stimabili: non sai mai precisamente in che quantità è presente la sostanza attiva e quali altre sostanze sono contenute. Per determinare quantità e sostanze contenute, come pure aggiunte pericolose e impurità, è necessaria un’analisi chimica.

  • Assumi quindi dosi basse per principio e fai dapprima un test con una piccola dose!
  • Se possibile, approfitta delle offerte di drug-checking come test di pillole a grandi party nelle vicinanze. Le date dei test a livello svizzero le trovi sotto www.saferparty.ch.
  • Ricorda: legale non significa “innocuo”. Le “smart drugs” sono acquistabili legalmente anche via internet ma non sono legali perché innocue. I produttori aggirano la legge sugli stupefacenti ricorrendo a sostanze non ancora registrate. Spesso tali sostanze non sono ancora state studiate a sufficienza. Le informazioni relative alle sostanze sono coscientemente modificate per facilitarne la vendita (per esempio: “ha lo stesso effetto dell’ecstasy”). I rischi legati all’assunzione di tali sostanze sono quindi imprevedibili.
  • Pure le cosiddette “natural drugs” (ad esempio i funghi, il peyote, la salvia divinorum, i semi di rosa hawaiana, la datura…) possono avere conseguenze nocive e in alcuni casi posso provocare la morte.

Il consumo, lo spaccio, la detenzione e l’acquisto della maggior parte delle sostanze stupefacenti sono punibili in base alla legge federale sugli stupefacenti. Un elenco è disponibile sul sito www.admin.ch. Se compri, consumi o porti con te una di queste sostanze, la polizia può denunciarti al giudice anche se si tratta di piccole quantità.
Se sei fermato per un controllo devi fornire i tuoi dati personali, ossia il tuo nome e cognome, l’attinenza e la professione (non però il posto di lavoro o il nome del tuo datore di lavoro). La legge ammette la possibilità di non rilasciare dichiarazioni relative al posto di lavoro, il reddito, precedenti condanne o altri dati personali; all’arresto e in sede di interrogatorio, puoi quindi avvalerti del facoltà di non rispondere perché non sei tenuto ad accusare te stesso.
Nessuno dovrebbe fornire informazioni in virtù di promesse di vantaggi o privilegi. La polizia non può mantenere nessuna promessa di questo genere.
Le ispezioni corporali (prelievo di sangue, ispezione degli orifizi, ecc.) possono essere effettuate solo da un medico e solo se sussiste il sospetto di reato.
Per proteggere la tua integrità fisica e l’incolumità degli altri utenti delle strade non dovresti guidare sotto l’effetto di alcol e/o droghe. Di sicuro rischi il ritiro della patente e, nel peggiore dei casi, di provocare degli incidenti.